Mostre:Dove la parola non arriva. Evasioni di un ergastolano

La mostra di Mario Trudu 'Dove la parola non arriva. Evasioni di un ergastolano', fino all'8 luglio a palazzo Libera a Villa Lagarina è un'occasione per interrogarsi sulla vita da reclusi e sui meccanismi della giustizia. Trudu è nato ad Arzana nel 1950, era un pastore. Nel 1979 fu arrestato con l'accusa di sequestro di persona a scopo di estorsione. Condannato per un delitto del quale si è sempre dichiarato innocente, durante una breve latitanza è stato responsabile nel 1987 del sequestro dell'industriale Eugenio Gazzotti, morto in una tragica sparatoria, delitto che gli è costato l'ergastolo. L'arte di Mario Trudu che metaforicamente "evade dalla prigione" e la sua storia offrono l'opportunità di porre il tema della condizione carceraria in Italia - ha affermato l'assessore alla cultura Marco Vender in occasione dell'inaugurazione - del compito che la Costituzione assegna allo Stato di riabilitare". (ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. L'Adige
  2. L'Adige
  3. L'Adige
  4. L'Adige
  5. Il Dolomiti

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Romallo

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...